IMG_1079.jpg

Munters fa rivivere l’Età del bronzo all’Orford Museum

L'Orford Museum è un museo accreditato dall'MLA (Museums, Libraries and Archives Council) che raccoglie ed espone i reperti storici individuati presso Orford e le aree circostanti nel Suffolk. Il museo è alloggiato all'interno dell'Orford Castle, un edificio storico locale costruito nel XII secolo da re Enrico II, di proprietà e gestito dall'English Heritage.

The museum has been situated inside Orford Castle, a historic local landmark that was built in the 12th century by King Henry II and is owned and maintained by English Heritage. Inside the museum, display cabinets house material relating to The Castle, The Borough, Archaeology – Prehistory to 1550, River, Land & Sea and The Bronze Age, in addition to other small finds displays. As a building, Orford Castle affords the museum and its visitors a visually attractive home that is steeped in history. However, it is stone-built and unheated so provides very little protection against environmental damage for the exhibits. “Due to its age and the way it was built” says Jennifer Hall, Orford Museum Curator “a significant volume of moisture is absorbed by the building, especially in the winter when the cold temperatures cause condensation to build.”
Without protection, the exhibits are exposed to potential moisture-related damage. This issue was no more apparent than when Orford Museum bid to bring a locally-found Bronze Age hoard from Ipswich Museum to Orford.

Conservazione

Al fine di aggiudicarsi i reperti, la struttura doveva rispettare specifici criteri che includevano il rigido monitoraggio e controllo dei livelli di umidità relativa. Numerosi metalli si corrodono rapidamente in presenza di condensa e il tasso di corrosione accelera ulteriormente a causa di inquinanti ambientali ed industriali. Se esposto a umidità elevata, il bronzo può sviluppare la "malattia del bronzo", un processo di corrosione irreversibile che distrugge i manufatti se non correttamente protetti. Le tre strutture hanno consigliato di affidarsi a Munters, leader globale per le soluzioni di deumidificazione e trattamento dell'aria ad elevata efficienza energetica.

Soluzione

Grazie a Munters, l’Orford Museum è stato in grado di garantire a Colchester and Ipswich Museum Service che i livelli di umidità sarebbero stati mantenuti costantemente al di sotto del 50%, assicurandosi così il prestito a lungo termine dei reperti dell’Età del bronzo.

All’inizio l’Orford Museum ha acquistato un deumidificatore essiccante MG50 per Case 3, la collezione archeologica. Il deumidificatore essiccante MG50 è un’unità compatta e leggera che si adatta bene agli spazi ridotti. Nel cuore del deumidificatore si trova la ruota essiccante Munters (rotore), dispositivo dal principio tanto semplice quanto geniale progettato da Carl Munters oltre 60 anni fa. Due flussi d’aria attraversano simultaneamente il rotore in lenta rotazione che viene trattato con essiccante ad elevata efficacia. Un flusso di aria viene deumidificato per fornire la quantità di aria asciutta necessaria, l’altro asciuga il rotore, con smaltimento dell’umidità accumulata all’esterno.

Alla luce del risultato positivo ottenuto grazie all’unità MG50 nel caso dei manufatti conservati presso la Case 3, negli ultimi anni l’Orford Museum ha raccolto fondi da destinare all’acquisto di altre quattro unità MG50 che hanno consentito di monitorare e preservare tutte e cinque le sezioni presenti all’interno del museo. La struttura fornisce ora aria fresca a protezione ai manufatti che includono sacchetti portamonete, etichette di metallo, monete e perfino una balestra medievale. Come per gli oggetti in metallo, condizioni e durata di carta, fotografie e pelle può essere considerevolmente aumentata prevenendo i danni causati dall’umidità, come la formazione di muffe e funghi. All’interno di ogni vetrina, gli humidistat di Munters monitorano costantemente le condizioni, accendendo e spegnendo automaticamente i deumidificatori all’occorrenza.

I livelli di umidità vengono così mantenuti costanti giorno e notte in ogni momento dell’anno, ottimizzando allo stesso tempo l’efficienza energetica. Oltre all’esigenza di condizioni climatiche costanti, anche l’aspetto estetico rappresentava un elemento da tenere in considerazione per il museo. Era essenziale ridurre al minimo l’impatto sull’esposizione e sull’esperienza dei visitatori; non poteva inoltre esserci alcuna implicazione estetica per il castello in quanto tutelato dall’English Heritage.

Punti chiave

  • Prevenzione dei danni causati dall’umidità come corrosione e muffe
  • Condizioni di clima costante nel corso dell’intero anno
  • Controllo preciso e accurato
  • Sistema compatto e leggero - Facile da installare e da spostare
  • Easy to install and move

Please let us help you

To expedite your request, send us a message
here. Please include your zip code and a brief
description of your application in the
"Add a message" field below.